Ecoturismo

Tempo libero vuol dire viaggio, cultura, riposo, sport, divertimento, riflessione, attività che ci aiutano a dare senso alla quotidianità. Ciascuna di queste può essere gestita con consapevolezza, responsabilità e sostenibilità, parole che racchiudono principi di etica, giustizia, solidarietà, ecologia, rispetto, relazione, responsabilità individuale e collettiva. La sostenibilità è un modo di vivere, di affrontare la vita, coinvolge ogni momento della giornata, ogni azione, anche il tempo libero da lavoro. Il tempo libero, dunque, può essere vissuto in relazione e in armonia con la natura, l’ambiente e la comunità umana, e con un’attenzione particolare al benessere personale, senza per questo essere privato di divertimento e piacere.

 

Pur conservando le caratteristiche del gioco, della convivialità, dell’avventura può essere vissuto come Ecoturismo (5)“ozio intelligente” e non alienante, ossia “godimento pieno della nostra esistenza, la fase tranquilla in cui siamo più distesi, più creativi, più tolleranti” (D. De Masi, Ozio creativo). La gestione del tempo libero sostenibile e intelligente guarda con interesse al paesaggio, alla natura, alla cultura, alla lettura, all’arte, alla musica, alla poesia, al risposo, alla calma, all’accoglienza, alle scelte personali; evita invece lo spreco, l’ostentazione, i rapporti spersonalizzati, l’invadenza, il rumore, la confusione, la fretta, la superorganizzazione, in una parola lo stress.

 

La gestione del tempo libero è sostenibile se cerca di ridurre al minimo l’impatto ambientale, l’inquinamento, gli sprechi e la produzione di rifiuti, se non richiede grandi spostamenti con mezzi inquinanti, se avviene nel rispetto di se stessi e degli altri, se non è finalizzato al semplice consumo ma al “ri-crearsi”, se non ci fa sentire vuoti e alienati ma liberi, fecondi e in crescita. Sostenibilità vuol dire anche pagare un prezzo equo per i servizi ricevuti, non eccessivo per chi lo sostiene e neppure svilente per chi lavora.

Ecoturismo (7)

In particolare la gestione del tempo libero in ambienti naturali richiede la consapevolezza, da parte dell’uomo, di essere un ospite di quel contesto e non il padrone.